www.musicyes.org martedì 21 gennaio 14 - 12:50
 
   | News | Musica Italiana | Rock | Heavy Metal | Album Eagenews
  Home | Chi siamo | Biografie e Discografie | Approfondimenti | musicyes






Cerca nel sito





Valore dischi vinile: la supremazia senza tempo dell'analogico!

Il suono generato da un sistema analogico è magico, molto musicale e poco importa, a noi appassionati, della complessità con cui giungiamo al risultato. Coloro che hanno avuto modo di leggere le mie recensioni, avranno capito che sono un “analogista”, mi piace il suono e il valore del vinile e tutto ciò che gira intorno a questo affascinante mondo di riproduzione sonora.

La naturalezza nella riproduzione dei dischi in vinile

Amo molto anche il suono dei lettori CD, ne ho anche alcuni di livello ma rimane, a mio avviso, un modo “diverso” di ascoltare musica. Cercherò, brevemente, di farvi capire il perché.

Il “miracolo dell’analogico”: il vero valore del vinile

Per giungere ad affermare quanto sopra, in tanti anni di ascolto di musica, ho “analizzato” molteplici situazioni. Ho constatato che, nell’ambito di un medesimo impianto e quindi a parità di condizioni, il suono del giradischi a confronto di quello della sorgente digitale è sensibilmente più naturale di quella restituita dal lettore.

Alla luce di quanto appena affermato, molti potrebbero non comprendere appieno come una incisione “analogica”, seppur inferiore sotto il punto di vista segnale-rumore a quella del CD, risulti invece superiore sotto il profilo ricostruzione del palcoscenico virtuale. Ecco spiegato.

Il passaggio analogico-digitale

Prima del 1983, anno in cui si può far risalire la nascita del formato digitale, la sorgente primaria di un impianto Hi-Fi era rappresentata dal sistema giradischi - braccio - fonorivelatore. Questo sistema, che attualmente chiamiamo analogico per differenziarlo da quello digitale, a causa di un gran numero di problematiche di messa a punto ed ottimizzazione, occupava quasi interamente le discussioni ed i progetti (con gli studi) del mondo dell’alta fedeltà già a partire dal 1970 e continuerà a farlo fino all’inizio degli anni 90, anche se il periodo d’oro arriva fino agli anni 80.

Dopo quasi trent’anni di oscurantismo, dovuto all’avvento “forzato” dei CD da parte dei due colossi Sony e Philips, (convogliato nel Super Audio CD ed attualmente nella musica “liquida” che di… liquido non ho capito cos’abbia), si è verificato un autentico ritorno al valore del vinile. Questa inversione ha offerto ai giovani ed agli appassionati dell’ascolto, l’opportunità di rendersi conto di quanta qualità e senso musicale sappia donare questo tipo di sorgente.

Ascoltare il vinile

Quello che molti non sanno, anche per via della martellante pubblicità del formato digitale, è quanto possa essere semplice mettere a punto un giradischi con l’attuale tecnologia. Stando alle statistiche, all’interno del mercato discografico, che risulta in picchiata -senza precedenti- per fatturati e numero di pezzi venduti, l’unico settore che ha registrato un consistente incremento delle vendite è quello dei dischi in vinile e di conseguenza dei giradischi, con aumenti che si aggirano nell’ordine del 40% annuo. Questa realtà ha veramente dell’incredibile se la rapportiamo ai pochi negozi specializzati nella vendita di dischi nuovi e usati, dove troviamo, inoltre, in bella mostra anche giradischi ed accessori.

Fermo restando che è molto difficile discernere tra ragione e gusti personali, nell’ascolto di un buon vinile si rimane sbalorditi per perfezione timbrica, enorme quantità di informazioni riprodotte, dalla naturalezza del suono nel suo complesso; in seconda “battuta” si resta entusiasti anche per la dinamica e la rappresentazione degli strumenti nella scena sonora!

Come avrete capito, la qualità sonica della sorgente analogica, dipende anche dalla caratteristica del vinile che viene utilizzato per la prova. Cerchiamo di spiegare il perché.

La qualità dei master per il vinile

Partendo dal “master” della registrazione dell’evento, le informazioni vengono riversate con una particolare e laboriosa tecnica nelle lacche viniliche e, per quelle di un certo valore sonico, dette “Audiophile”. Queste lacche comprendono, solitamente, incisioni di particolare pregio artistico, in modo che l’appassionato possa acquistare un prodotto affascinante artisticamente e realizzato tecnicamente in modo ineccepibile.

Negli anni ‘80 e ’90, anche al fine di esaltare il CD, molte registrazione su vinile -di tutti i generi musicali- venivano effettuate in modo “grossolano” e la qualità sonica, anche se di livello inferiore risultava “sovrastante” a quella digitale. È anche vero, però che esistono esclusivi CD che utilizzano tecniche particolari di registrazione e la cui qualità musicale è decisamente migliore delle registrazioni “standard”, ma -a mio avviso- sempre meno musicali e dettagliate dei vinili della stessa “classe” d’appartenenza.

Risulta quindi molto emozionate ricercare i propri dischi preferiti sia nel settore dell’usato che in quello del mondo Audiophile. Per quanto riguarda l’usato (le stampe prodotte negli anni ‘60 e ‘70 sono incise molto bene), si consiglia ai non esperti di lasciare perdere le bancarelle dell’usato in quanto, quasi sempre, propongono materiale piuttosto malridotto e che spesso spacciano ristampe per prime copie richiedendo prezzi stratosferici.

Molto più sicuro l’acquisto in negozi specializzati, dove i vinili vengono selezionati, ascoltati singolarmente e catalogati con prezzi diversi a seconda dello stato d’uso. Di solito in questi negozi si può trovare praticamente di tutto e per tutte le tasche. Ci sono, infine, specialisti molto particolari che fanno ascoltare i dischi che si vogliono ascoltare su impianti Hi-Fi e la scelta diventa molto più semplice.

La qualità dei giradischi per riprodurre il vinile

Altra domanda molto particolare è: tutti i giradischi sono in grado di riprodurre il vinile allo stesso modo? La risposta potrebbe essere semplice: tutte le autovetture sono uguali? Per anni l’associazione del giradischi ai marchi “Thorens”, “Linn”, “Rega” è stata talmente chiara nel mondo dell’alta fedeltà amatoriale che risulta difficile ricordarne una più precisa e netta. Oggi, invece, abbiamo esclusivamente un’associazione che deve intendersi in primo luogo nel rapporto qualità/prezzo.

Esistono, grazie a giovani ditte che producono anche in paesi esteri, giradischi in grado di sbalordire (sempre in relazione al prezzo) con qualità soniche di livello.
Ci sono giradischi molto semplici con prestazioni oneste e molti altri più complessi sotto tutti i punti di vista dai quali, se ben tarati, si riesce ad ottenere un suono straordinario e che donano una corretta percezione della realtà (riproduzione più vicino possibile all’evento).

Senza entrare nel particolare, accenneremo che molti parametri dipendono dalla base del giradischi, dal braccio e dal fonorivelatore utilizzato. Naturalmente tutto l’impianto dovrà essere all’altezza delle caratteristiche qualitative e quindi di “prezzo” del giradischi.

Giuseppe Alesii

Pagine correlate Valore dischi vinile

Valore dischi vinile: la supremazia senza tempo dell'analogico!






Collegamenti esterni ( ultime news )


Contatti

Per contattare la redazione del sito Musicyes scrivere all'indirizzo email enr.mainero@gmail.com

 

Iscrizione newsletter

negozio vinile roma

Abbonati ai FEED

MUSICA...PARLIAMONE
Il negozio per appassionati di vinile e alta fedeltÓ


DICONO DI NOI...

OFFERTA VINILE

CATALOGO DISCHI USATI

CATALOGO DISCHI NUOVI

PROG ITA

VALORE VINILE


CONTATTI

Web: www.musicaparliamone.com

Mail: i

Telefono: 0643599020




musicyes

Studi Registrazione

Libri Musica

CuriositÓ

Focus

      portale di Enrico Mainero (MY) pagina pubblicata in 1 secondi
    Note Legali: questo sito web è di proprietà di Enrico Mainero a cui va la piena e unica responsabilità dei contenuti testuali e grafici pubblicati sul sito - email enr.mainero@gmail.com -
    dati e generalità del proprietario del presente dominio sono disponibili pubblicamente presso l'ente internazionale di registrazione domini.
    Alcune foto presenti sul sito sono state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio
    Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla redazione del sito - Il network a cui il sito è affiliato non è responsabile dei contenuti pubblicati sui singoli siti.
     Network Eage - www.eagenews.com |